Il Blog Dell’Arte e della Danza

Arte, Intreattenimento, Danza, Musica, Spettacolo, Storia del Ballo
Se la Danza crea dolore cronico alla schiena ecco che fare col Pilates

Se la Danza crea dolore cronico alla schiena ecco che fare col Pilates

Il Pilates è una disciplina da considerarsi ormai come strumento baluardo per il benessere psico-fisico e struttura delle persone, ideale per chiunque, dal sedentario allo sportivo professionista.

Il metodo Pilates si è sempre contraddistinto nell’ambito fitness per la sua totalità di visione e per i suoi ormai conosciutissimi ed utilizzatissimi esercizi, sfruttati oggi un po’ ovunque: dalla danza, alla preparazione atletica, al recupero fisico ed in molti altri ambiti e settori.

Principalmente la media degli italiani che partecipano a sedute di Pilates, lo fanno per prevenire o curare qualcosa: disturbi fisici, recuperi di postura, infiammazioni ed altro ancora sono le cose che, col tempo e con la pratica costante, il Pilates è in grado di arginare ed in alcuni casi, persino “curare”.

Una media molto elevata di praticanti, si avvicina al Pilates, per cercare di contenere uno dei disturbi più traditori, fastidiosi ed onnipresenti del secolo: il male alla schiena!

Le infiammazioni lombari e cervicali sono tra i principali ostacoli che si possono venire a creare nella vita di ognuno di noi, causati in parte dalle scorrette posture assunte sui luoghi lavorativi e cronicizzate nel tempo, determinano nel loro insieme un vero e proprio deficit in termini di movimento e libertà corporea.

E’ in questo momento che entra in scena il Pilates, i muscoli del centro del corpo si rinforzano (addominali inclusi), la postura viene rimessa in dima o persino migliorata, tutti i muscoli lombari e quelli para vertebrali recuperano vigore e mantengono protetta e ben salda nella posizione naturale tutta la colonna vertebrale.

Questo allenamento, con il corretto utilizzo, riuscirà man mano a sfiammare anche le condizioni più acute o critiche della muscolatura profonda del nostro corpo.

Ma badando un po’ più al sodo della faccenda, ecco di seguito una serie di esercizi molto conosciuti del Pilates indispensabili per trattare la schiena dolorante.

N.B: per schiena dolorante intendiamo tutte quelle schiene che non presentano problematiche prettamente meccaniche come ad esempio ernie esposte o fratture, bensì doloranti per fattori molto comuni e naturali,  legate soprattutto alla scorretta posizione posturale o a causa di contrazioni o contratture di differente natura.

Il Pilates può aiutare tantissimo anche persone affette da ernia del disco o diverse tipologie di ernie, ma occorrono altri specifici tipi di esercizi del metodo.

Se sei un danzatore, uno sportivo o un sedentario, ecco alcuni dei migliori esercizi di Pilates per combattere il dolore lombare.

Il male alla schiena può apparire per diverse ragioni, ballando ad esempio capita spesso che tutta la struttura vertebrale venga compressa, con carichi molto eccessivi rispetto alla naturale forza di supporto di questi delicati organi.

Pertanto a lungo andare se queste strutture non vengono mai d’altra parte rilassate, potrebbe capitare che si vada incontro a protrusioni o in casi più tragici anche a vere e proprie ernie discali.

Per fare in modo che questo non avvenga, oltre al classico stretching, esista una vera e propria procedura di decompressione e rafforzamento dei muscoli che circondano la nostra amata spina dorsale. 

Ecco quindi finalmente la tua serie di esercizi di pilates per la schiena, pronti per essere svolti anche tra le mura della propria casa:

  • Il Rompi-capo: obiettivo dell’esercizio è sviluppare equilibrio, siediti a gambe piegate sul pavimento, poi cerca di trovare il tuo baricentro restando in equilibrio solo sul sedere, alzando i piedi da terra, una volta trovato il tuo equilibrio centrale, mantienilo con le gambe parallele per circa dieci secondi per ripetizione.
  • I Nuotatori: sono letteralmente come gli addominali, ma al contrario, saranno quindi i muscoli bassi para vertebrali ad essere stimolati; da pancia in giù, cercheremo di chiuderci a libro con la nuca verso i talloni, ovviamente senza spezzarsi in 2 come dei grissini…
    Braccia e gambe completamente allungate, seguono la linea del bacino e della testa, piegamenti della durata in stasi per 10 secondi, 5-8 ripetizioni.
  • Inclinazione della pelvi: sdraiarsi supini con le piante dei piedi a terra, con le gambe piegate ma a 45 gradi, quindi con ginocchia piegate.
    Le braccia allungate e tutte appoggiate a terra con il palmo verso il basso, spingere i fianchi verso l’alto e tieni tutto fermo per 5/7 secondi, se riesci anche 10 secondi, esaurito questo tempo, fai tornare il bacino al pavimento, molto lentamente, ripeti per 8 volte.

Di esercizi analoghi per aumentare l’elasticità, la forza e la salute della muscolatura lombare ve ne sono di diversi tipi, specialmente nel Pilates.