Il Blog Dell’Arte e della Danza

Arte, Intreattenimento, Danza, Musica, Spettacolo, Storia del Ballo
Il Teatro visto anche come una terapia nel libro di Walter Orioli

Il Teatro visto anche come una terapia nel libro di Walter Orioli

Una terapia che non è nata come terapia ma capace di scoprire una parte inesplorata di noi stessi e superare le proprie nevrosi.

La Teatro Terapia viene ben menzionata e spiegata all’interno del libro di Walter Orioli.

“Far teatro per capirsi” – di Walter Orioli (psicologo e psicoterapeuta).

Questo libro crea curiosità, voglia di immergersi nello studio del teatro e della teatroterapia.

Scritto con passione ed entusiasmo.

Ci sono molteplici connessioni con altre discipline che appaiono lontane dal teatro, ma Orioli partendo dalla psicologia teatrale ci porta con dolcezza e logica ad incontrare la magia, la terapia e la religione. 

Un viaggio più che affascinante, un lavoro su se stessi dotato di concretezza e azione, elementi difficili da trovare in altri percorsi di crescita molto di moda negli ultimi anni ( Programmazione Neuro Linguistica, il Reiki, ect).

La bibliografia del libro è molto ampia (cinque pagine):

  • Teatro, psicologia, esoterismo
  • Psicologia
  • Etnografia e antropologia
  • Teatro di ricerca e ritualità

La divisione bibliografica è un ottimo strumento per coloro che vogliono approfondire aspetti particolari dello studio della teatroterapia o della psicologia del teatro.

Diviso in cinque capitoli e dotato di 21 schede di approfondimento di cui 14 pratiche che comprendono: il massaggio, la respirazione, il suono vocale, l’uso della voce, la presenza scenica, l’immedesimazione, il rilassamento e la bioenergetica.

Di particolare interesse il capitolo sulle terapie di riferimento: viene presa in esame l’arteterapia, lo psicodramma, la bioenergetica, la dance therapy, la biodanza, la musicoterapia e la meditazione (terapie antistress). In questa ottica il lavoro del teatroterapeuta appare di notevole interesse per la comunità.

La possibilità di beneficiare di diverse azioni terapeutiche nel “giocoso” contesto del teatro è un’alternativa piacevole se confrontata al “grigiore” della singola azione terapeutica.

Intendiamoci la teatroterapia non è un mix di altre terapie, è un esperienza con molteplici facce su alcune delle quali possiamo proiettare terapie di riferimento, ma l’esperienza rimane l’unica modalità per confrontarvi con questo modello terapeutico.

Consiglio: cercate nella vostra città un laboratorio di teatro. 

Verificate la formazione dei conduttori con delle domande semplici o con un’esperienza diretta, la bravura degli insegnanti sta nell’immedesimarsi nello stato d’animo del nuovo partecipante, mettendolo a proprio agio e facendolo sentire subito parte del gruppo.